Rubrica il sogno: quinta parte, “Chiave di lettura”.

Rubrica il sogno: Quinta parte “Chiave di lettura”

In quest’ultima parte della rubrica viene fornita una chiave di lettura del sogno descritto nella scorsa puntata.

Il sogno è pieno di simboli e significati che richiedono una conoscenza della paziente ed una elaborata interpretazione. Senza entrare nel dettaglio del sogno, ciò che si vuole sottolineare è la manifestazione del Maschile e del Femminile che è stato possibile elaborare con la paziente.

Il Centro specialistico A.I.P.C. è dedicato a singoli individui, coppie o nuclei familiari segnati da ferite non elaborate come rifiuti, separazioni, abbandoni e lutti. I professionisti dell’A.I.P.C., quali psicologi, psicoterapeuti offrono consulenze e training brevi ed efficaci anche a distanza. La segreteria, che fisserà il giorno e l’ora dell’appuntamento, è attiva dal lunedì al venerdì con orario 09:00/19:00 e risponde al numero 0644246573 o via mail info@socialmente.net.

Per il 5×1000 C.F. 97238660589.

Per donazioni A.I.P.C. Poste Italiane IBAN IT83I0760103200000056039688

Durante la narrazione del sogno, la paziente sottolinea che lei e l’ex ragazzo Antonio avevano molti aspetti di personalità e di eventi vita in comune (ci siamo uniti molto perché ci somigliavamo molto).Si tratta di una relazione di molti anni fa, la paziente non si sente più la persona di quei tempi (oggi io mi considero una persona diversa). Potremmo pertanto affermare che Antonio rappresenta il Maschile (passato) della paziente: un maschile che mostra il suo femminile in maniera esasperata, un maschile che chiede al femminile di esprimersi ma che non è in grado di lasciarlo andare. Antonio si dispera, si vittimizza, la rimprovera per averlo abbandonato, per aver smesso di curarsi di lui. Il gabbiano morto che le porge vuole metterla in guardia dalle conseguenze negative di questa separazione: perderà la sua libertà.

Nel sogno c’è un’altra figura Maschile molto importante, quella del compagno. Pietro rimane più in secondo piano, è la guida, il traghettatore che lasegue nelle sue scelte. La paziente gli chiede sostegno e protezione mentre lei assertivamente prende le sue decisioni per se stessa. Lui la accompagna nel processo di cambiamento.

Solamente nel momento in cui Antonio si trasforma in Antonia diventa possibile dialogare (da donna mi capisce, da uomo si disperava e basta). È in corso un processo di avvicinamento alla componente Femminile. Antonio non è più il maschile che mostra disperatamente un femminile che non riesce ad esprimersi, ora è Antonia, il Femminile che trova espressione. Antonia è triste, si è sentita abbandonata ma, nonostante un’altra figura maschile (avvocato, giudice interiore che prende le difese del maschile) tenti di intromettersi,la paziente accoglie lasua sofferenza e riesce a tranquillizzarla e calmarla.

Antonio rappresenta quindi il Maschile passato della paziente, che sopiva il Femminile e ne permetteva un’espressione parziale e disfunzionale. Al contrario, Pietro potrebbe rappresentare il Maschile presente che, per ora, ha trovato espressione nel guidare e sostenere la paziente nel processo di integrazione della sua identità, alla ricerca di un contatto con il Femminile.

Antonia è il Femminile che si è sentito abbandonato. Per lungo tempo, infatti, la paziente ha messo da parte la sua componente femminile entrandovi in contatto solo di recente (sto imparando ad apprezzare le donne). Il Femminile insicuro mostrato da Antonia (ricerca di rassicurazioni) viene compensato dal Femminile della paziente (dialogo, accoglienza, cura).

La paziente sta ascoltando e dialogando con le parti di sé, è immersa in un processo di consapevolezza  e di cambiamento della sua identità, che le permette di porsi nuove domande e di cambiare prospettive. Questa è la vera libertà.

Riproduzione riservata. AI.P.C. Editore ©2018

La prima parte della rubrica Sognarehttp://www.socialmente.net/rubrica-il-sogno-che-svela-il-maschile-e-il-femminile-della-nostra-identita/

La seconda parte della rubrica Psiche Maschile e Femminile http://www.socialmente.net/rubrica-il-sogno-seconda-parte-la-psiche-maschile-e-femminile/

La terza parte della rubrica “Corpo Maschile e Femminile” http://www.socialmente.net/rubrica-il-sogno-terza-parte-corpo-maschile-e-femminile/

La quarta parte della rubrica “Il sogno”: http://www.socialmente.net/rubrica-il-sogno-quarta-parte-il-sogno/

Il Centro specialistico A.I.P.C. è dedicato a singoli individui, coppie o nuclei familiari segnati da ferite non elaborate come rifiuti, separazioni, abbandoni e lutti. I professionisti dell’A.I.P.C., quali psicologi, psicoterapeuti offrono consulenze e training brevi ed efficaci anche a distanza. La segreteria, che fisserà il giorno e l’ora dell’appuntamento, è attiva dal lunedì al venerdì con orario 09:00/19:00 e risponde al numero 0644246573 o via mail info@socialmente.net.

Per il 5×1000 C.F. 97238660589

Per donazioni A.I.P.C. Poste Italiane IBAN IT83I0760103200000056039688

By |2018-07-13T09:27:13+00:0013 luglio 2018|In evidenza, In scadenza, Pubblicazioni|0 Comments