Rubrica: Il Sogno che svela il Maschile e il Femminile della nostra Identità

Rubrica: Il Sogno che svela il Maschile e il Femminile della nostra Identità

Prima Parte: Sognare

La rubrica è suddivisa in 5 puntate. In questa prima parte viene brevemente definito il Sogno in termini fisiologici e psicologici descrivendone la sua utilità psicoterapeutica.

Da un punto di vista fisiologico, il sogno è un’attività cerebrale che rielabora una serie di stimoli più o meno significativi, interni ed esterni, a cui si è stati sottoposti durante la veglia o al quale si viene sottoposti durante il sonno. Il sonno svolge due funzioni essenziali: la prima è quella di ristorare il corpo e la mente; la seconda è quella di consolidare in memoria nuove informazioni, esperienze e procedure. Da un punto di vista psicologico,poiché la memoria è composta da una rete di informazioni e nodi che si attivano e si collegano a seconda del tipo di stimolo, il sogno non sarà solo il mero risultato di un’attività cerebrale, ma una realtà psichica che, a partire da stimoli di varia natura, sarà in grado di entrare in contatto con emozioni, ricordi, desideri, contenuti rimossi ma anche nuove conoscenze.

Il Centro specialistico A.I.P.C. è dedicato a singoli individui, coppie o nuclei familiari segnati da ferite non elaborate come rifiuti, separazioni, abbandoni e lutti. I professionisti dell’A.I.P.C., quali psicologi, psicoterapeuti offrono consulenze e training brevi ed efficaci anche a distanza. La segreteria, che fisserà il giorno e l’ora dell’appuntamento, è attiva dal lunedì al venerdì con orario 09:00/19:00 e risponde al numero 0644246573 o via mail info@socialmente.net.

Per il 5×1000 C.F. 97238660589

Per donazioni A.I.P.C. Poste Italiane IBAN IT83I0760103200000056039688

Il sogno è il mezzo privilegiato attraverso il quale l’inconscio comunica con l’Io. Mentre l’Io è la parte cosciente e razionale adibita all’adattamento, al compromesso; l’Inconscio, attraverso immagini e simboli onirici, esprime all’Io lo stato psichico reale.

Due grandi psicoanalisti hanno fatto dell’interpretazione dei sogni la base del metodo di indagine psicoanalitico. Per Freud i sogni mascherano contenuti rimossi. Le libere associazioni permettono, come il filo di Arianna, di passare dal contenuto manifesto a quello latente, verso il passato. Per Jung invece il sogno è un portale verso il futuro, verso una conoscenza più approfondita di se stessi.

Violenza: perché si chiede aiuto http://www.socialmente.net/violenza-perche-si-chiede-aiuto/

Violenza: il profilo di chi chiede aiuto http://www.socialmente.net/violenza-il-profilo-di-chi-chiede-aiuto/

Il sogno è entrambe le cose: da una parte conferma la nostra identità e ci permette di conoscere noi stessi attraverso il nostro passato; dall’altra parte ci offre la possibilità di cambiare prospettive, stimolare il pensiero, farsi nuove domande e migliorare la nostra identità.L’interpretazione dei sogni è quindi elaborazione e ri-elaborazione di ciò che siamo, un lavoro introspettivo che ci rende consapevoli e guarda al futuro.

Ogni sogno è unico e personale e quindi oggetto di analisi e di libere associazioni di quel soggetto.

Il modo più utile di interpretarlo è focalizzarsi sulle specificità del sogno e il loro contesto.

Nella prossima puntata della rubrica, verranno descritte le componenti psicologiche del Maschile e del Femminile

Riproduzione riservata. AI.P.C. Editore ©2018

Il Centro specialistico A.I.P.C. è dedicato a singoli individui, coppie o nuclei familiari segnati da ferite non elaborate come rifiuti, separazioni, abbandoni e lutti. I professionisti dell’A.I.P.C., quali psicologi, psicoterapeuti offrono consulenze e training brevi ed efficaci anche a distanza. La segreteria, che fisserà il giorno e l’ora dell’appuntamento, è attiva dal lunedì al venerdì con orario 09:00/19:00 e risponde al numero 0644246573 o via mail info@socialmente.net.

Per il 5×1000 C.F. 97238660589

Per donazioni A.I.P.C. Poste Italiane IBAN IT83I0760103200000056039688

By | 2018-06-15T14:37:57+00:00 15 giugno 2018|In evidenza, In scadenza, Pubblicazioni|0 Comments