“Rifiuto e affettività positiva o negativa”

Oggi inauguriamo la nuova rubrica dedicata al “Rifiuto”.

Rifacendoci ad un’ampia meta analisi di studi scientifici, nazionali ed internazionali, compresa la ricerca effettuata dall’Associazione Italiana di Psicologia e Criminologia, parliamo di “Rifiuto e affettività positiva o negativa“.

Diversi studi ipotizzano l’esistenza della cosiddetta profezia che si auto avvera, in cui le aspettative di rifiuto spingono le persone a comportarsi in modo tale da suscitare il rifiuto dei loro partner. Le persone sensibili al rifiuto (HRS) sono più soggette a rottura rispetto a quelle delle persone con bassa sensibilità I rifiuti interpersonali, l’essere ignorati o esclusi, hanno una miriade di conseguenze emotive, psicologiche e interpersonali. Una grande quantità di comportamenti umani è influenzata dal desiderio di evitare il rifiuto.

A tal riguardo Conye (1976, in Pe et al., 2016) propone il “contagio depressivo” come possibile fattore in grado di aumentare il rifiuto di coloro che interagiscono con individui con depressione. In particolare, lo studio si pone l’obiettivo di verificare in un setting controllato, ma realistico, lo speed-dating attraverso 6 sessioni per 136 soggetti eterosessuali single. I risultati hanno evidenziato come l’affettività positiva si possa considerare un mediatore tra depressione e attrazione romantica, e tra depressione e rifiuto. Infatti, dopo 4 minuti di interazione, gli individui con importanti sintomi depressivi inducono negli altri un abbassamento dell’affettività positiva, che li spinge ad essere considerati come meno attraenti subito dopo l’interazione e venire rifiutati al termine della serata. Sebbene non venga supportata l’ipotesi del contagio depressivo nel senso stretto, poiché l’affettività negativa non aumenta in modo significativo dopo l’interazione con partner con sintomi depressivi, è bene evidenziare che una riduzione dell’affettività positiva dopo l’interazione con tali individui dimostra una scarsa piacevolezza e aumenta la possibilità del rifiuto. Conye e colleghi individuano pertanto nell’affettività positiva uno degli indicatori principali del rifiuto.

BIBLIOGRAFIA:

  • Downey, G., Freitas, A. L., Michaelis, B., & Khouri, H. (1998). The self-fulfilling prophecy in close relationships: Rejection sensitivity and rejection by romantic partners. Journal of personality and social psychology75(2), 545.
  • Koban, L., Kross, E., Woo, C. W., Ruzic, L., & Wager, T. D. (2017). Frontal-brainstem pathways mediating placebo effects on social rejection. Journal of Neuroscience37(13), 3621-3631.
  • Kross, E., Berman, M. G., Mischel, W., Smith, E. E., & Wager, T. D. (2011). Social rejection shares somatosensory representations with physical pain. Proceedings of the National Academy of Sciences108(15), 6270-6275.
  • Pe, M. L., Gotlib, I. H., Van Den Noortgate, W., & Kuppens, P. (2016). Revisiting Depression Contagion as a Mediator of the Relation Between Depression and Rejection: A Speed-Dating Study. Clinical Psychological Science4(4), 675-682.
  • Way, B. M., Taylor, S. E., & Eisenberger, N. I. (2009). Variation in the μ-opioid receptor gene (OPRM1) is associated with dispositional and neural sensitivity to social rejection. Proceedings of the National Academy of Sciences106(35), 15079-15084.
  • Zhang, L., Liu, S., Li, Y., & Ruan, L. J. (2015). Heterosexual rejection and mate choice: A sociometer perspective. Frontiers in psychology6, 1846.
  • Mark R. Leary PhD, Interpersonal rejection and emotions – Leary Dialogues in Clinical Neuroscience – Vol 17 . No. 4 . 2015.

AIPC Editore 2018 – Riproduzione riservata

Il Centro specialistico è dedicato a singoli individui, coppie o nuclei familiari segnati da ferite non elaborate come rifiuti, separazioni, abbandoni e lutti. Gli esperti dell’A.I.P.C. dal 2001 forniscono training brevi ed efficaci. La segreteria, che fisserà il giorno e l’ora dell’appuntamento, è attiva dal lunedì al venerdì con orario 09:00/19:00 e risponde al numero 0644246573 o via mail info@socialmente.net.

Lunedì 9 Aprile, parleremo dei correlati neurali delle esperienze del rifiuto, le stesse del dolore fisico.

 

By | 2018-03-26T11:51:44+00:00 26 marzo 2018|In evidenza, In offerta, In scadenza, Pubblicazioni|0 Comments